Il Valore legale di QuiPoste

Nonostante la liberalizzazione del mercato postale si fa ancora confusione sul valore legale delle Poste Private.
Per la fornitura dei servizi postali tutti gli operatori privati devono conseguire un titolo abilitativo.
La licenza che il Ministero dello Sviluppo Economico rilascia chiarisce che gli operatori privati possono effettuare “servizi relativi agli invii raccomandati ed invii assicurati che non siano attinenti alle notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notifica di atti giudiziari di cui alla legge 20 novembre 1982 n. 890, e successive modificazioni, e servizi inerenti a notificazioni a mezzo posta di cui all’art. 201 del decreto legislativo 30 aprile 1992 n. 285”.
Inoltre l’art. 18 del decreto legislativo 261/99 stabilisce che le persone addette ai servizi postali, da chiunque gestiti,  sono considerate incaricate di pubblico servizioin conformità all’articolo 358 del codice penale.
Quindi possiamo affermare che le raccomandate e le assicurate che vengono recapitate dagli operatori di QuiPoste hanno lo stesso valore giuridico che la normativa attribuisce a quelle inviate da Poste Italiane.